Carta di credito e di debito

La differenza tra carte di debito e di credito è nota ai vostri studenti?

Vi invitiamo a vedere insieme a loro la clip di questa settimana nell’ora di lezione dedicata a “Young Factor”: tratteremo proprio questo tema!

Buona visione.

Categoria:

Young Factor

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

*

1 Commento

  • Scusi io non sonomun economista, ma se lo Stato ha già 1000 euro di debiti per (ad esempio) per credito IVA verso un contribuente, se trasforma il proprio debito,da in un importo scritto da qualche parte in un debito scritto su un minibot (come fosse un assegno), è vero che il debito rimane, ma il creditore lo può usare, poniamo, per pagare le tasse; in questo caso si tratterebbe di una compensazione e il debito dello stato si annullerebbe con il creidto dello stato. Non mi sembra che cambi l”importo del debito. Cambia solo il fatto che il creditore viene pagato subito e non dopo anni (almeno così si ipotizza).